Museo a Napoli dedicato a Caruso

Ago 27, 2023

Un secolo e mezzo dopo la sua nascita, il tenore italiano e leggenda dell’opera Enrico Caruso viene finalmente celebrato dalla sua città natale Napoli, con un museo al Palazzo Reale.

Molto prima di Luciano Pavarotti, fu Caruso a rappresentare l’opera italiana nel resto del mondo. Il cantante inaugurò un’era di musica “popolare” con le sue prolifiche registrazioni grazie all’avvento dell’era del grammofono.

Nato nel 1873, il tenore e la sua carriera internazionale sono al centro di un piccolo museo a Napoli. Dopo alcuni mesi di lavoro, mercoledì ha aperto al pubblico all’interno del Palazzo Reale della città.

“Era il più grande tenore mai conosciuto al mondo”, ha detto all’AFP la curatrice Laura Valente. “Perché al di là del suo grande talento, ha forgiato un nuovo modo di cantare e di esprimersi sul palco, in questo senso come Maria Callas”, ha detto.

Durante la sua vita, Caruso si è esibito in quasi 2.000 esibizioni e ha realizzato quasi 250 registrazioni. Ciò lo ha reso una star dei media riconosciuta in tutto il mondo. Ha fatto tournée da San Pietroburgo a Città del Messico, Buenos Aires e New York.

“Era un tenore del nuovo secolo. Più di ogni altra cosa capì che questa tecnologia non avrebbe diminuito la sua voce, ma piuttosto avrebbe portato la sua voce al mondo. E quella fu la sua innovazione”, ha detto Valente.

Le mostre multimediali del “Museo Caruso” cercano di far rivivere lo straordinario talento e l’abilità di marketing del cantante, la cui voce è stata definita “magica”, in bilico tra il tenore e il baritono.

La collezione comprende vecchie registrazioni, filmati, locandine e fotografie.

Quando il leggendario direttore d’orchestra Arturo Toscanini ascoltò una delle prime rappresentazioni del giovane Caruso alla Scala, predisse: “Se questo napoletano continua a cantare così, farà parlare di sè tutto il mondo”.

Lui aveva ragione. Dopo una trionfale rappresentazione dell’Elisir d’Amore nel febbraio 1901 alla Scala – che gli valse due bis – Caruso iniziò a girare il mondo, attirando frotte di fan in diverse nazioni.

Ammirato dai re e amato dal popolo, Caruso fu il primo cantante a vendere un milione di dischi.

Quasi la metà delle sue esibizioni furono al Metropolitan Opera di New York, dove cantò per 18 stagioni consecutive a partire dal 1903.

Caruso rappresenta “un’immagine positiva di Napoli nel mondo”, ha detto all’AFP il ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano all’inaugurazione del museo.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi altre news

La “Gran Galleria” della Reggia di Caserta

La “Gran Galleria” della Reggia di Caserta

La "Gran Galleria" della Reggia di Caserta riapre al pubblico. Il 29 Febbraio ci sarà l'inaugurazione dell'ala ovest del Palazzo Reale della Reggia di Caserta. La Reggia di Caserta è un magnifico e vasto palazzo situato a Caserta, in Italia. Carlo VII di Borbone volle...

leggi tutto
AIWC Meeting

AIWC Meeting

AIWC Meeting a Napoli Informazioni sull'eventoAssemblea generale dell'AIWC gennaio 2024 e pranzo con Stone Soup LunchPartecipa alla nostra ASSEMBLEA GENERALE di gennaio 2024 e al pranzo "Stone Soup Lunch"!Incontra amici di lingua inglese provenienti da molti paesi...

leggi tutto
Damadakà, musica della tradizione napoletana

Damadakà, musica della tradizione napoletana

Anche quest'anno Natale 2023 porterà una serie di esibizioni live dei Damadakà (musica della tradizione). Dal sito del gruppo: "Le nostre radici, il nostro senso di identità, il sapere da dove veniamo, non sempre sono completamente manifesti, ma a volte si svelano a...

leggi tutto